Se viaggiare è una parte importante della tua vita, scopri come portare i bambini alla scoperta di musei e siti archeologici senza annoiarli. Portare con sè dei bambini annoiati infatti significa non godersi le bellezze artistiche e culturali che si hanno davanti, una occasione persa per se stessi e anche per i bambini. Non c’è un’età magica in cui i bambini diventano amanti dei musei. Un adolescente che non è mai entrato in un museo non verrà improvvisamente ispirato dai Maestri olandesi. Se il tuo giovane energico riesce a gestire un’ora a casa di una nonna senza distruggere i vasi di porcellana, può gestire un’ora in una galleria d’arte.

Con i bambini, non avrai il pomeriggio libero in un museo. Potresti non voler affatto andare nel pomeriggio. Scegli un’ora del giorno in cui i bambini saranno riposati, nutriti di recente e allertati – che è probabilmente la mattina – e decidi per quanto tempo resterai. Scegli una o due opere d’arte, o un’esposizione, che siano assolutamente da vedere e colpiscili prima. Se sei a Madrid e la Guernica di Picasso è in cima alla tua lista, guardala. Ogni momento aggiuntivo al Museo Reina Sofia è un bonus.


Warhol può aspettare. Non promettere ai tuoi figli che la visita alla casa d’arte sarà veloce, e poi resterai lì fino all’orario di chiusura. Brucerai i tuoi figli, eroderai la tua credibilità e schiaccerai la possibilità di futuri viaggi nei musei. I tuoi piccoli non ti crederanno quando insisti che la prossima visita al museo sarà breve. Essere genitori non significa cedere il controllo tutto in una volta, ma dare al tuo bambino responsabilità sempre maggiori. Quindi, mentre vedere il museo non dovrebbe essere un’opzione sì / no, ciò che si guarda in esso può essere. Se sei allo Smithsonian American Art Museum di Washington, consulta la mappa del museo e chiedi a tuo figlio se l’arte popolare e visionaria o l’ala dei diritti civili e della giustizia suona più attraente.

Prendi la stessa mappa del museo e consegnala a tuo figlio. Le mappe di solito hanno immagini di opere specifiche. Sfida tuo figlio a trovare quelle opere d’arte per una caccia al tesoro istantanea. Altre opzioni di caccia al tesoro potrebbero chiedere ai bambini di vedere quanti cani riescono a trovare nella sala d’arte europea del XVII secolo. Se stai guardando i ritratti, prendi spunto dall’app Galleria dei ritratti di Google per vedere quali somiglianze sembrano persone che conosci.

Le cacce al tesoro e le ritratti sono un modo per rendere l’esperienza più interattiva, ma a volte i musei hanno cose che normalmente non avresti pensato come interattive. Al Guggenheim di Bilbao, le pareti ondulate alte 14 piedi dell’acciaio dello scultore Richard Serra sono come un labirinto. Non c’è un bambino a cui non piaccia camminare per quelli.

Il tuo bambino potrebbe chiedersi perché dovrebbe interessarsi all’arte. Potresti estrarre il telefono e mostrargli l’emoji dell’urlo e spiegare che è modellato sui quattro dipinti dell’artista norvegese Edvard Munch. Due di questi dipinti sono stati rubati e in seguito recuperati – ma ci sono voluti due anni per trovarli!

Quando possibile, scegli musei o mostre a cui tieni. Se sei al Metropolitan Museum of Art di New York e tua figlia fa il balletto, trova i dipinti delle ballerine di Henri Toulouse-Lautrec o Edward Degas. O forse ha appena studiato l’Egitto nella sua scuola elementare. Portala all’ala egiziana e lascia che ti insegni ciò che ha imparato sulla mummificazione.

I musei vogliono raggiungere un pubblico più giovane e fanno di tutto per farlo. SFMOMA della Bay Area è gratuito per tutti i minori di 18 anni. Dall’altra parte della città, il de Young Museum ha appena curato una mostra per esplorare le antiche rovine Maya di Teotihuacan attraverso il gioco di Minecraft. E molti musei offrono progetti artistici per bambini nei fine settimana.

Se la tua famiglia ha due genitori, uno di voi potrebbe dover battere un percorso veloce attraverso le gallerie, zippare, bambino impaziente in mano, mentre l’altro imposta un ritmo più lento, forse con il bambino più grande. Non è l’ideale, ma stabilisce ancora la pratica che i musei fanno parte dell’esperienza di viaggio.

Qualcosa in tutta quella tranquilla contemplazione è stancante anche per gli adulti. Quindi, ricompensate la vostra prole in seguito con del cibo – o una cioccolata calda nel bar del museo – e poi portateli in un parco o da qualche parte fuori per smaltire le loro energie. Mentre corrono in giro come banshee scatenati, potresti chiederti se hanno ottenuto qualcosa dall’esperienza del museo. Stai tranquillo.

Insomma, seguendo alcuni facili consigli è possibile stimolare in modo adeguato i propri bambini così da trasformare una visita al museo in una occasione di stare insieme e di divertimento. Magari inserisci la visita al museo all’interno di percorsi tematici che vanno ad approfondire uno degli interessi dei bambini così da ottenere il massimo della loro attenzione.